• Il pesce è molto importante per l’alimentazione. Chi mangia pesce e crostacei regolarmente è più sano di quelli che non lo fanno. Mangiare pesce e frutti di mare da solo non può prevenire l’insorgenza di malattie, ma può ritardare lo sviluppo di alcune patologie.
  • Il mercurio è un contaminante che si trova di solito in piccole quantità mente applicabile in ciascuno di pesce e crostacei. Troppo mercurio può essere rischioso per le donne incinta e i bambini, che dovrebbero evitare quei pesci dove il mercurio può essere più presente come per esempio il pesce spada, lo squalo, lo sgombro e così via. DIversificare i le specie di pesci che si mangiano riduce la possibilità di raggiungere livelli nocivi di mercurio. Analisi chimiche dimostrano che il salmone dell’Alaska, il merluzzo, e il pollock hanno tra i più bassi livelli di mercurio di tutti i prodotti ittiici. Sgombro, aringhe, sardine hanno un basso contenuto di mercurio. Si possoni mangiare questi pesci, senza preoccuparsi di tali contaminanti. Residui di contaminanti organici come PCB, diossine, e pesticidi sono generalmente presenti solo in quantità molto basse. Il consumo di prodotti ittici disponibili in commercio non è stato collegato ad alcun rischio per la salute. Gli esperti concordano: i benefici per la salute nell’inserire il pesce nella propria dieta superano di gran lunga gli eventuali rischi.

  • Seafood is one of the most important keys to healthy eating.People who eat fish and shellfish regularly are healthier than those who don’t. Eating seafood discouragesthe development of chronic health conditions thatimpair health as we age. Seafood alone cannot preventthe onset of disease, but it may delay some conditions ormake them less likely and less severe. Here are someexamples emerging from recent science.
  • Mercury is a contaminant found usually in small amounts inall fish and shellfish. Too much mercury can be risky forpregnant women and young children. They should avoideating species with high mercury levels—shark, swordfish,king mackerel, and tilefish. Eating a variety of speciesreduces the chance of getting too much mercury. Fortunately,recent analysis showed that Alaska salmon, cod, and pollockhave among the lowest mercury levels of all seafoods.Mackerel, herring, and sardines are also low in mercury.Everyone can eat these fish without worrying about safety.Organic contaminants such as PCBs, dioxins, and pesticideresidues are generally found only in very low amounts inmost fish sold commercially. Current consumption of these contaminants from commercially available fish and shellfishhas not been linked to any health risks. Experts agree: thehealth benefits from eating fish far outweigh any risks.